News

Le ultimi novità sugli immobili proposti da LV Consulenze Immobiliari

Locazioni – Affitti “concordati”. L.V. Consulenze Immobiliari Frosinone

Fonte Il Sole 24 ore –  Sempre più proprietari decidono di usufruire, in fase di locazioni, contratti concordati. Le regole per la pattuizione locale vengono rinnovate mantenendo l’impianto di base ma con alcune novità. Il Sole le aveva anticipate il 26 ottobre 2016, il giorno dopo la firma della convenzione (ora ufficializzata con decreto dopo oltre cinque mesi di attesa) da parte di tutte le associazioni di proprietari e inquilini.

La prima novità è che le associazioni e sindacati «attesteranno la rispondenza del contratto di locazione» ai contenuti degli accordi sottoscritti in sede locale (sinora questa facoltà era riservata alle commissioni di conciliazione). Il loro intervento resta facoltativo e devono essere coinvolte a richiesta delle parti che formano il contratto di locazione. Tuttavia è prevedibile che un contratto «rispondente» alla legge ha meno possibilità di essere oggetto di contenzioso e quindi il ricorso alle associazioni aumenterà. Inoltre, agli accordi parteciperanno anche le Onlus in rappresentanza delle esigenze abitative di lavoratori migranti.

Il decreto non interviene sulla questione dell’elenco dei Comuni in cui è possibile fare accordi territoriali (quelli che fissano le fasce dei canoni) e , quindi, firmare contratti per canoni concordati. Infatti era già possibile siglare contratti a canone concordato dovunque: attualmente, segnala Confedilizia, lo prevede l’articolo 1, comma 13, del Dm del 30 dicembre 2002). In ogni caso l’elenco dei Comuni con “tensione abitativa” è stato steso dal Cipe (ed è consultabile sul sito di Confedilizia). 

Altre novità riguardano i contratti per esigenze «transitorie», i cui canoni sono gli stessi dei contratti concordati con durata 3 anni + 2: questi potranno essere definiti solo nei Comuni con oltre 10mila abitanti. I contratti per studenti, infine (anch’essi hanno i canoni uguali a quelli concordati e senza maggiorazione) , sono estesi anche a chi segue master, dottorati, specializzazioni o perfezionamenti. Sono esclusi i contratti stipulati con gli studenti dei programmi Erasmus, dato che questi restano iscritti alla facoltà di provenienza.

* I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ulteriori informazioni